Warning: Declaration of My_Walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = Array, $id = 0) in /home/www/misterdog.net/wp-content/themes/presenter-wp/_admin/functions-menus.php on line 44

Warning: Declaration of My_Walker_Footer::start_el(&$output, $item, $depth, $args) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = Array, $id = 0) in /home/www/misterdog.net/wp-content/themes/presenter-wp/_admin/functions-menus.php on line 74
Raccolta racconti e poesie - Mister dog srl – Canile e gattile della provincia di Crotone

Raccolta racconti e poesie


Mister Dog srl
Loc. Torre del Pero
Rocca di Neto (Crotone), 88821

Recapiti
T: 0962 84429
M: 339 8405736
E: misterdogsrl@libero.it

Mappa


Raccolta poesie e racconti sui nostri amici a quattro zampe:

 

Dietro le sbarre L.M.

un sospiro mi avvolge il cuore

quando vedo i tuoi occhietti tristi,

e penso a come eri felice quando un bimbo giocava con te.

Ed ora che sei dietro le sbarre

e gridi con molto dolore, chè cerchi?

Perché piange il cuore,

vorresti venire con me e correr per i prati fioriti

e farti stringere a me!

 

Giro, giro tondo C.G.

Giro giro tondo, il mio cane è il più bello del mondo, cento cinquanta, la gioia che mi da è tanta, lasciati abbracciare, so che mi vuoi leccare, se stai seduto e a cuccia, la pappa te la dò tutta.

 

Il mio migliore amico A.M.

Il mio amico gattona ancora,

se lo chiamo mi viene incontro,

non gli importa dove andiamo, né quanti soldi ho in tasca,

mi segue passo passo e mi osserva.

Lui sa se sto male, se son triste o felice,

è ancora lì quando mi arrabbio e piango,

è sempre lì pronto a saltarmi addosso

e a dirmi a modo suo, io ci sono.

 

Il mio cane non morde A.D.

<<Il mio cane non morde>>!!!

E’ quello che dico alla mia vicina ogni volta che, per convincere la figlia a mangiare, la minaccia dicendo <<ti faccio mordere dal cane>> e poi tra i miei pensieri dico <<chè fantasia! Perché non raccontarle invece una bella fiaba>>? Ma niente, lei continua. Ed io continuo a coccolare il mio cane che sembra quasi offeso e dico << il mio cane non morde>>!

 

Perché abbaia???  A.D.

<<Perché abbaia>>? <<Me lo chiedo anch’io, dico ad un passante>>. Forse il mio cane si chiede <<perché urli>>? Ogni tanto ci penso anch’io e inizio a credere che il mio cane riconosce a fiuto gli animi buoni. Poi elaboro un pensiero: “il mio cane non sa parlare, e meno male!! altrimenti mi direbbe di tutto il male che vede in quello che, aimè è il mio simile”.

 

Tradito dall’uomo  (lega nazionale per la difesa del cane sez. Alcamo TP)

Per te la notte è troppo nera, il giorno troppo lungo.

Batte sempre forte il tuo cuore, e una morsa ti serra la gola.

L’amica voce del vento, fa passare il tempo, ma aumenta il tuo tormento.

Ogni ombra può celare un nemico, e se hai creduto di avere un amico,

la tua è stata un’amara illusione.

Buttato nel nulla, hai perso tutto, compreso il nome.

Chi si ricorda di te? Chi ricordi nei tuoi sogni agitati?

Qualcuno forse ti rimpiange. Tu rimpiangi chi ti ha buttato.

Chi l’ha fatto non merita niente.

Il tuo andare insicuro e senza meta, accorcia la tua esistenza,

sempre più triste, sempre più dura.

Pure quando la fine verrà, quasi sempre violenta,

nei tuoi occhi smarriti, prima che l’ultimo velo li chiuda,

passerà tremolante l’immagine di chi ti ha abbandonato.

Ma l’uomo che ti ha reso randagio,

non sa che è lui il più randagio di tutti gli esseri viventi.

 

 

 

Piango con te  R.C.

E’ quasi sera e sono ancora solo. Vado qua e là in giro vagabondando. Non ho più un tetto, un letto, un amico e solo, piango. Mi fermo sotto un ponte al freddo e al gelo, piove! Sospiri, vecchi ricordi e solo piango. Poi ti avvicini tu, col tuo folto manto, dividi con me un panino e poi ti accucci; raccontami di te, mio amico randagio, quali ricordi hai, quale dolore! Fantastico pensando a chi eri tu, prima che diventassi un cane randagio, quando finisti per strada in un sera buia e fredda come questa. Continui ad accucciarti ed è amicizia, alzi il tuo muso e coi tuoi occhi dici<< piango con te>>

 

Vi presento Jonny C.B.

Nel mondo di Bau Bau oggi si fa festa, ci sono proprio tutti: Lilly, Toy, Bill, Ben, Fido, Tody, Lara… ed ecco che sul più bello arriva lui, il solitario e brontolone mr. Iago, non sembra tanto triste a dire il vero, e poi guarda come gli luccica quel pelo, non ha più l’aspetto scheletrico di chi mangia si e no qualche fortuito avanzo, tutti l’osservano e inizia il bisbiglio. Ora scodinzola qua e là tutto sereno. Lara si fa coraggio e dice << mi dica mr. Iago, oggi la vedo con un aspetto strano>>!! Continua a scodinzolare e poi un fischio. << Ecco io vado, a presto! Ora c’è Jonny…

 

 

Il testamento di Wisky S.A.

Ormai sono prossimo ai 15 anni, la mia barbetta bianca ve lo conferma.

Sono ormai vecchio e le mie cicatrici le porto con me come medaglie al valore, di chi ha lottato  e ha digrignato i denti, di chi ha preso calci e bastonate, di chi ha dormito al gelo e ha battuto i denti, di chi ha patito la fame, di chi si è leccato le ferite, solo, mendicando un pezzo di pane ed una piccola carezza, di chi più volte ha avuto la porta in faccia.

<<Và via ammasso di pulci>>! mi è stato detto.

<<Bastardo>> mi hanno urlato. Perché bastardo? Il nome Wisky me lo ha affibbiato un tizio che viveva in un vecchio vagone abbandonato. Tra calci ed insulti a modo suo mi ha amato. Non chiedetemi cosa rimpiango o chè avrei voluto. Forse un calda cuccia, un volto amico, un carezza soltanto.

 

La mia vita nel box G.D.

Tutti i giorni sono qui. E poi un sospiro…!

L’unico mio amico è quest’omone che mi accudisce e che mi dice <<Ehi bello>>!

Me ne sto accucciato e lui si avvicina e dice <<lo so, è dura ma qui sei al sicuro. Vedi? hai anche il giardino. Vorresti una famiglia! Continua a pazientare…gioca con me>>.

Poi si fa sera e lui va via. Io resto solo ed ululo alla luna e aspetto che ritorni il mio amico, l’omone, per sentirmi dire <<Ehi bello>>!!!

 

 

La gente non sa A.D.

<<Pronto signora, è il canile? Cercavo un cane, piccolo a pelo raso, che non abbai sempre, che non puzzi, che sia di razza e che vada a cuccia al mio comando>>.

<<Magari che si pulisca le zampe prima di entrare? Oppure lo vuole con un bel pedigree?

Perché vuole un cane, la prego, mi risponda, cerca un giocattolo per il bimbo, o un bell’esemplare da mostrare agli amici e poi?

Mi dispiace di non poterla accontentare, qui sono tutti meticci, non per discriminare. Ma di dolcezza lei ne troverebbe tanta se solo aprisse il cuore ed andasse oltre, oltre la bellezza, il colore, la taglia, il pelo. Le si aprirebbe una porta piena d’amore, e troverebbe perché no un grande amico.